[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” column_margin=”default” column_direction=”default” column_direction_tablet=”default” column_direction_phone=”default” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” row_border_radius=”none” row_border_radius_applies=”bg” overlay_strength=”0.3″ gradient_direction=”left_to_right” shape_divider_position=”bottom” bg_image_animation=”none”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_tablet=”inherit” column_padding_phone=”inherit” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” column_link_target=”_self” gradient_direction=”left_to_right” overlay_strength=”0.3″ width=”1/3″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][split_line_heading animation_type=”default”]

Cristina Converso

[/split_line_heading][/vc_column][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_tablet=”inherit” column_padding_phone=”inherit” column_padding_position=”all” centered_text=”true” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” column_link_target=”_self” gradient_direction=”left_to_right” overlay_strength=”0.3″ width=”1/3″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][/vc_column][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_tablet=”inherit” column_padding_phone=”inherit” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” column_link_target=”_self” gradient_direction=”left_to_right” overlay_strength=”0.3″ width=”1/3″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” column_margin=”default” column_direction=”default” column_direction_tablet=”default” column_direction_phone=”default” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” row_border_radius=”none” row_border_radius_applies=”bg” overlay_strength=”0.3″ gradient_direction=”left_to_right” shape_divider_position=”bottom” bg_image_animation=”none”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_tablet=”inherit” column_padding_phone=”inherit” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” column_link_target=”_self” gradient_direction=”left_to_right” overlay_strength=”0.3″ width=”1/1″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][vc_column_text]Cari amici e amiche del blog e degli alberi, buon mese estivo di vacanze, letture, passeggiate, ronfate e mangiate! Tutto senza scordare mai di ringraziare l’ambiente unico che ci ospita, la nostra Pacha Mama, la Madre Terra, in lingua quechua. Questo nostro appuntamento è il primo di un ciclo che tornerà nei prossimi mesi e si occuperà di tassonomia forestale. 

Ebbene per capire davvero di cosa stiamo parlando, ora e in futuro, occorre iniziare ancora una volta dalle basi, ovvero dal significato delle parole, con una breve carrellata di lessico forestale. Mi farò aiutare da Hansjorg Kuster, l’autore di “Storia dei boschi”, tradotto in Italia per Bollati Boringhieri da Carola Lodari.

Facile, inoltre, confondersi e perdersi anche nelle declinazioni dialettali che fanno grande il nostro paese, quindi seguitemi e proviamoci. Perché il bosco non è una foresta, e il pascolo non è una radura…

Foresta: termine di origine germanica, ricondotto dal latino medioevale a forestis. Inteso come insieme di piante arboree distribuite su una vasta superficie di terreno. L’importante è cogliere due significati fondamentali della foresta, la verticalità del paesaggio che abbiamo davanti e la sua naturalità.

Bosco: tutto ha inizio da una radice greca, poi germanizzata e tradotta ancora dal latino medioevale, busk, buscus. Il bosco è uno spazio ampio di terreno su cui troviamo sia alberi di alto fusto che arbusti. Dal punto di vista del paesaggio abbiamo due livelli di osservazione, rispetto alla foresta qui domina l’orizzontalità.  Il bosco può essere costituito da una o più specie e da sempre è stato modificato dall’uomo per i suoi usi (legna, utensili, opera…). Possiamo averne sia di naturali che antropici.  

Radura: da rado, quindi zona dove gli elementi che formano il suo insieme compatto si fanno più radi. Ci capita di incontrare, camminando in una foresta, uno spazio dove gli alberi sono più radi, la luce filtra e si creano le condizioni per la radura, colori, odori e specie mutano. Non ci resta che stare lì fermi e farci assorbire da quella magia.

Pascolo: ancora i latini, pascere, pascolare. Qui più che mai troviamo l’opera umana che si perde nella notte dei tempi, pensate alla pianura Padana, da Padus il fiume che la percorre. Già gli insubri trasformarono qui boschi di pianura in pascoli. A differenza della radura, qui le specie erbacee sono differenti perché pascolate da sempre. Altro paesaggio, altre atmosfere.

E per ora fermiamoci qui, cari lettori e lettrici, alle basi del nostro dizionario forestale.

Buona lettura a tutti e  non scordate il mio motto “Lettura e Natura, ma senza premura!”

 

Un caro saluto a tutti, e visitate il sito “Lettura e Natura” e, se avete piacere, leggete i miei romanzi.

https://cristinaconverso.altervista.org/[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento